TerniEconomia al passo con l'impresa!

LE SANZIONI AMMINISTRATIVE

L’attività sanzionatoria amministrativa della Camera di commercio è regolata dalla legge 24 novembre 1981 n. 689.
L’ufficio Tutela del mercato e del consumatore emette ordinanze rispetto a verbali di sequestro e di accertamento levati dagli organi accertatori preposti e non oblati nei termini di legge.
I provvedimenti sanzionatori riguardano principalmente violazioni in materia di registro imprese, albi e ruoli camerali, etichettatura e marcatura di prodotti non alimentari (per esempio prodotti tessili, giocattoli, prodotti elettrici, dispositivi di protezione individuale).
Gli organi di vigilanza (Carabinieri, Guardia di  finanza, Polizia di Stato, Polizia municipale, Camera di commercio ed altri) contestano immediatamente ai responsabili  gli illeciti amministrativi o notificano questi ultimi subito dopo l'emissione dei relativi verbali d'accertamento.
Il trasgressore può:
- entro 60 giorni dalla contestazione dell'illecito o dalla data di notifica del verbale d'accertamento decidere di pagare: se il pagamento è stato effettuato regolarmente, con il giusto importo, entro 60 giorni dalla notifica e presso l'ufficio indicato dal verbale di accertamento, il procedimento si estingue.
- entro 30 giorni dalla contestazione o notifica della violazione decidere di far pervenire degli scritti difensivi alla Camera di commercio - Ufficio Tutela del mercato e del consumatore -, in carta semplice, allegando una fotocopia del verbale di accertamento e tutta la documentazione che ritiene necessaria; può chiedere inoltre di essere ascoltato personalmente.
Da ogni processo verbale, valutato nel merito e nella legittimità, può scaturire:
- un'ordinanza di archiviazione se l'ufficio ritiene non fondato o irregolare il verbale di accertamento;
- un'ordinanza di ingiunzione se l'ufficio ritiene fondato il verbale di accertamento;
L'ordinanza di ingiunzione è un atto che indica i responsabili, spiega le motivazioni e stabilisce l'importo da pagare. Tale importo è determinato entro i limiti minimo e massimo imposti dalla legge, in base ai criteri stabiliti dall'art.11 della legge 689/81.
L'ordinanza di ingiunzione viene notificata a tutti i soggetti obbligati, sia principali che solidali. Dalla data della notifica vi sono 30 giorni di tempo per effettuare il pagamento.
Il pagamento effettuato deve essere comunicato all'ufficio sanzioni.
Decorso inutilmente il termine di 30 giorni dalla notifica dell'ordinanza di ingiunzione l'interessato che non ha effettuato il pagamento viene iscritto in un apposito ruolo. Riceverà a domicilio una cartella esattoriale che gli impone il pagamento della sanzione non versata, oltre a maggiorazioni e interessi previsti per legge (art. 27 L. 689/81). Qualora l’interessato ritenga che le somme iscritte a ruolo non siano dovute o siano dovute solo in parte in quanto è stato già effettuato il pagamento sulla base dell’ordinanza-ingiuntiva indicata nella cartella o sulla base del verbale di accertamento della violazione amministrativa, può presentare apposita richiesta di sgravio alla Camera di commercio,  corredata dall’originale della ricevuta di avvenuto pagamento.
Contro l’ordinanza ingiuntiva è possibile fare ricorso al Giudice di Pace e/o Tribunale competente per territorio a seconda del tipo di violazione (ex art. 22 della L. 689/81), che ha la possibilità di riesaminare completamente la posizione e annullare, confermare, o modificare l'importo dell'ordinanza emessa. Il ricorso non è sospensivo del procedimento di esecuzione forzata, a meno che il Giudice non disponga la sospensione dell’esecutività del provvedimento.

Ufficio Tutela del mercato e del consumatore
Tel. 0744489270-213 Fax 0744 406437
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

In evidenza

Chiusura estiva sede di Orvieto - Dal 13 al 24 agosto 2018

PEC revocate o non valide Vai alla pagina

Diritto annuale 2016 Dal 1° gennaio 2016 gli importi vengono ridotti del 40% Vai alla pagina

Tassa di concessione governativa: non è più dovuta per diversi tipi di attività Vai alla pagina

Applicazione bolli e diritti nelle pratiche telematiche al R.I. Vai alla pagina

La Guida Interattiva Nazionale Unioncamere per gli adempimenti societari
Individuare in modo interattivo gli adempimenti pubblicitari nei confronti del Registro Imprese.Vai alla pagina - Indice della Guida in .xlsx

Manuale UnionCamere per il deposito dei bilanci 2018 Vai alla pagina

Regolamento per la concessione di contributi agli Organismi di garanzia collettiva fidi Vai alla pagina

Contatti

Camera di Commercio di Terni
Largo Minzoni 6 - 05100 Terni

Sede di Orvieto

Via G. Salvatori 1/H - 05019 Orvieto

-----------------------------------------

  • Tel: +39 0744 4891
  • Fax: +39 0744 406437

  • Tel-Fax Orvieto: +39 0763 305556

  • PEC: cciaa@tr.legalmail.camcom.it
  • P.IVA: 00369490552
  • C.F.: 80000970550

Mi piace su Facebook Seguici su Twitter

Sei qui: Home Tutela del Mercato Le Sanzioni Amministrative


We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information