TerniEconomia al passo con l'impresa!

DISEGNI

Con Disegni e Modelli s'intende "l'aspetto dell'intero prodotto o di una sua parte quale risulta, in particolare, dalle caratteristiche delle linee, dei contorni, dei colori, della forma, della struttura superficiale ovvero dei materiali del prodotto stesso ovvero del suo ornamento".
La registrazione dei Disegni e Modelli conferisce al titolare il diritto esclusivo di utilizzazione nella produzione e nel commercio di prodotti, vietandone ai terzi l'utilizzo senza il suo consenso.
La registrazione ha validità di 5 anni a decorrere dalla data di presentazione della domanda ed è rinnovabile ogni 5 anni fino al compimento del 25° anno.

download file: Informazioni_Modelli_Ornamentali.doc
download file: Modulo_O_modello_ornamentale.pdf
download file: Foglio_aggiuntivo_Modulo_O_modello_ornamentale.pdf

Le istruzioni di deposito possono essere scaricate dal sito internet dell'Ufficio Italiano dei Brevetti e Marchi (nella sezione modulistica.UIBM).

Trascrizioni - Annotazioni - Ricorsi
• Trascrizioni - trascrizione di atti che trasferiscono la proprietà del brevetto o che ne modificano comunque il godimento;
download file: Trascrizioni.pdf
• Annotazioni - annotazioni di modifiche varie relative al titolare del brevetto e/o al brevetto e/o all'esercizio dello stesso, come ad esempio variazione di indirizzo, denominazione, sentenze di tribunale;
download file: Annotazioni.doc
• Ricorsi - Circolare del Ministero delle Attività Produttive N. 476 del 16 marzo 2006 concernente i ricorsi avanti alla Commissione dell'Ufficio Italiano dei Brevetti e Marchi.
download file: ricorsi_circ_476.pdf

Ritiri e Rinunce
E’ possibile ritirare la domanda durante la procedura di esame e nel caso dei marchi, anche durante la procedura di opposizione, prima che l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi abbia provveduto alla concessione del titolo. Con riferimento al marchio è possibile rinunciare ad una o più classi o limitare l’elenco dei prodotti e servizi.
L’art. 172 del D.Lgs n. 30/2005 prevede inoltre la possibilità di effettuare rettifiche ed integrazioni della domanda.
Nel caso di ritiro della domanda, prima che la registrazione sia stata effettuata o il brevetto sia stato concesso, è possibile chiedere il rimborso delle tasse versate, ad eccezione del diritto di domanda. La richiesta di rimborso può essere inserita direttamente nell’istanza di ritiro.   
Dopo la concessione del diritto di proprietà industriale è possibile rinunciare allo stesso o, con riferimento al marchio, rinunciare ad una o più classi o limitare l’elenco dei prodotti e servizi.
download file: Ritiro.doc
download file: Rinuncia.doc

Disegni e modelli comunitari
I disegni e i modelli comunitari conferiscono al suo titolare un diritto unitario valevole in tutti gli Stati membri dell'Unione europea mediante una procedura unica.
La domanda di registrazione va depositata presso l'Ufficio per l'Armonizzazione del Mercato Interno (in sigla UAMI) - Alicante (Spagna), Tel. +34 965139100 - Fax +34 965131344, con invio tramite:

Corriere espresso: Ufficio per l'Armonizzazione nel Mercato Interno (Marchi, Disegni e Modelli) Avenida de Europa, 4 E-03008 Alicante;
oppure
Casella postale: Ufficio per l'Armonizzazione nel Mercato Interno (Marchi, Disegni e Modelli) Apartado de correos, 77 E-03080 Alicante;
oppure
FAX al n. +34 965131344;
oppure
Deposito on-line, detto anche E-Filing.

Alcuni links di riferimento del sito internet dell' UAMI ove è possibile trovare ulteriori informazioni:
Home page per la consultazione generale
Disegni e modelli comunitari - informazioni generali
Modulistica
E-Filing

Consultazione banche dati di disegni e modelli
La consultazione di banche dati di "disegni e modelli" può essere utile per verificare l'eventuale pre-esistenza di disegno o modello, identico o simile, sia per fini commerciali che di ricerca, ovvero per il monitoraggio sulle attività delle imprese in materia di "modelli e disegni".
Le ricerche non devono mai essere considerate complete ed esaustive, in quanto le procedure proprie della registrazioni non consentono un aggiornamento immediato delle notizie.

E' possibile la consultazione internet gratuita delle seguenti banche dati:
Ufficio Italiano dei Brevetti e Marchi (UIBM) - Dati - per la ricerca di disegni e modelli nazionali italiani;
Ufficio per l'Armonizzazione del Mercato Interno (UAMI) - RCDOnline - per la ricerca di disegni e modelli comunitari
The World Intellectual Property Organization (WIPO) - Hague Express per la ricerca del desingns internazionale.

Disegno o modello comunitario
Cosa prevede la normativa
Dal 1 aprile 2003 è entrata pienamente a regime la normativa sul "disegno e modello comunitario". La Commissione ha introdotto accanto alle normative nazionali una tutela interamente comunitaria, analogamente a quanto fatto per i marchi.

A cosa serve
Questo istituto pertanto non sostituisce la registrazione nazionale, ma crea un sistema che elimina la necessità di effettuare molteplici domande nazionali, per una protezione sovranazionale.

Protezione
Il nuovo sistema istituisce una duplice protezione: la prima protezione denominata "Disegni e modelli comunitari non registrati", disciplina il diritto che viene acquisito automaticamente in seguito alla semplice divulgazione all'interno della Comunità dopo la pubblicazione, l’esposizione, la commercializzazione.
Questo diritto è limitato a tre anni e proibisce l'uso di copie dei disegni o modelli originali proteggendo così quelle industrie che ad ogni stagione rinnovano le collezioni. I disegni o modelli saranno protetti contro contraffazioni e copie abusive senza formalità né costo alcuno in tutto il territorio dell'Unione.
La seconda protezione istituita dal regolamento è il "Disegno o modello comunitario registrato". Si tratta di un diritto esclusivo conseguito in seguito al deposito di una domanda presso l’UAMI. Disegni o modelli registrati sono protetti per un periodo di cinque anni, rinnovabili fino ad un massimo di venticinque anni.
Il diritto concesso gode di maggiore forza del disegno o modello comunitario non registrato in quanto permette di proibire completamente l'introduzione sul mercato di qualsiasi disegno o modello che non desti un'impressione generale diversa.

Caratteristiche
Un'ulteriore importante caratteristica del regolamento è la possibilità prevista per il richiedente del disegno o modello registrato di differirne la pubblicazione fino a trenta mesi in modo da mantenere segreti i disegni o modelli fino a quando non siano stati lanciati sul mercato sbaragliando creando un vantaggio sulla concorrenza.
Inoltre c'è la possibilità di riunire nell'ambito di un'unica domanda molteplici varianti dello stesso disegno o modello, possibilità che faciliterà la protezione dei modelli tessili o di disegni e modelli multipli simili.
La caratteristica della novità è soddisfatta se nessun disegno o modello identico è stato divulgato prima della data di presentazione della domanda di registrazione. Ma la "divulgazione" del suo autore nei dodici mesi precedenti la data di presentazione della domanda di registrazione, non è considerata una violazione della novità.

Disegno o modello internazionale
A cosa serve
Con un'unica domanda presso l'Ufficio internazionale dell'Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale (OMPI) conformemente al sistema dell'Aia di registrazione internazionale dei disegni e modelli industriali si ottiene protezione del disegno o modello in diversi paesi.

Accordi AIA
Il sistema dell'Aia è basato sull'Accordo dell'Aia concernente la registrazione internazionale dei disegni e modelli industriali.
Tale Accordo è costituito da tre Atti differenti e autonomi: l'Atto di Londra del 1934, l'Atto dell'Aia del 1960 e l'Atto di Ginevra del 1999. Le parti contraenti possono decidere a quali atti aderire.
Esse diventano automaticamente membri dell'Unione dell'Aia, di cui attualmente fanno parte 42 Stati, tra i quali 12 Stati membri della UE (Belgio, Estonia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Italia, Lettonia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Slovenia e Spagna), 5 dei quali sono diventati parti dell'Atto di Ginevra (Estonia, Ungheria, Lettonia, Slovenia e Spagna).
La UE non è attualmente membro del sistema dell'Aia.

La procedura per richiederlo
La domanda internazionale può essere presentata in una sola lingua (inglese o francese) dietro pagamento di una sola serie di tasse, nella quale devono essere designati gli Stati nei quali chiede la protezione.
La domanda deve essere inviata direttamente all'Ufficio internazionale, il quale, dopo averne controllato la regolarità formale, la pubblica nell'International Designs Bulletin. A seguito di tale pubblicazione, ciascun ufficio nazionale designato deve procedere all'esame sostanziale eventualmente previsto dalla normativa interna.
Pertanto, tutti gli aspetti sostanziali della protezione (la valutazione delle condizioni di protezione e la portata di quest'ultima) sono esaminati da ciascuno stato contraente alla luce della propria legislazione.
L'ufficio nazionale può notificare all'Ufficio internazionale un rifiuto di protezione per il suo territorio, se mancano aspetti sostanziali oppure accettare la registrazione internazionale che produrrà in ogni stato lo stesso effetto che avrebbe prodotto un deposito nazionale.
Allo stesso tempo, la registrazione internazionale facilita il mantenimento della protezione, le procedure di rinnovo e di modifiche.

In evidenza

Ufficio di Orvieto Dal 1° giugno l'ufficio è aperto il giovedì nei seguenti orari: dalle 9,00 alle 13,30 e dalle 14,30 alle 16,30

A partire dal 1 giugno 2019, la domanda di rilascio del certificato di origine deve essere presentata obbligatoriamente in modalità telematica.

PEC revocate o non valide Vai alla pagina

Tassa di concessione governativa: non è più dovuta per diversi tipi di attività Vai alla pagina

Applicazione bolli e diritti nelle pratiche telematiche al R.I. Vai alla pagina

La Guida Interattiva Nazionale Unioncamere per gli adempimenti societari
Individuare in modo interattivo gli adempimenti pubblicitari nei confronti del Registro Imprese.Vai alla pagina

Manuale UnionCamere per il deposito dei bilanci 2019 Vai alla pagina

Regolamento per la concessione di contributi agli Organismi di garanzia collettiva fidi Vai alla pagina

Contatti

Camera di Commercio di Terni
Largo Don Minzoni 6 - 05100 Terni

-------------------------------------

Sede di Orvieto
Via G. Salvatori 1/H - 05019 Orvieto

  • Tel-Fax Orvieto: +39 0763 305556

 

La sede di Orvieto rimarrà chiusa fino al termine del periodo di emergenza Coronavirus

-------------------------------------

  • P.IVA: 00369490552
  • C.F.: 80000970550

Mi piace su Facebook Seguici su Twitter



We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information